ONLINE: FORMAZIONE NUOVI TERAPISTI 2022 IN ITALIANO

ONLINE: Training course for new therapists in audio-psycho-phonology 2022 in english

ONLINE: UPDATING SEMINAR FOR THERAPISTS IN AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGY IN NOVEMBER 2022 IN ENGLISH

 


APPLICAZIONI E SERVIZI

 

 

Lo studio applica il metodo Tomatis secondo gli standard voluti dal professor Alfred Tomatis.


IL METODO E' UTILIZZATO PER AIUTARE BAMBINI, ADOLESCENTI E ADULTI CON VARI TIPI DI PROBLEMATICHE:


Dislessia

Deficit di attenzione e concentrazione (ADD e iperattività)

Coordinazione e sviluppo psicomotorio

Difficoltà nell’interazione sociale e insicurezza

Difficoltà di lettura ed espressione orale

Ritardo nello sviluppo del linguaggio

Autismo

Disturbo pervasivo dello sviluppo

Sindrome di Down

Sordità psicologica



IL METODO TOMATIS E' UTILIZZATO ANCHE DA PERSONE CHE DESIDERANO AFFINARE LE LORO ABILITA' O COME AIUTO PER ESPLICITARE UN POTENZIALE INESPRESSO.

ESSO E' APPLICATO CON SUCCESSO PER:

Sviluppo della voce e del controllo corporeo in professionisti della voce quali cantanti, attori, avvocati, speakers radiofonici e televisivi, doppiatori.

Integrazione audiovocale nell’apprendimento di lingue straniere (memoria uditiva, pronuncia e facilitazione della fluidità verbale).

Miglioramento dell’ascolto personale, della comunicazione e dell’apprendimento strategico (lavorare meglio in gruppo, migliore coscienza personale e sociale, migliorare i propri modelli di interazione sociale).

Affinamento audiomotorio per musicisti che desiderano migliorare le loro capacità di utilizzo del  corpo nel controllo dello strumento (training cocleo-vestibolare)

Sviluppo delle abilità motorie di alto livello (atleti, pattinatori, tennisti, ginnasti, sciatori, etc.)

Rilassamento e attenuazione dello stress.

Percorso di crescita personale attraverso l’ascolto.

Ridinamizzazione della persona anziana.

Accompagnamento musicale in gravidanza e preparazione al parto.

Corsi sull'utilizzo ottimale della voce parlata e cantata e del suono strumentale (AAVAS)

 

 

PER SCUOLE, CONSERVATORI, MINISTERI, AZIENDE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI


Corsi di aggiornamento per insegnanti

Corsi di affinamento audiovocale per insegnanti.

Attività di educazione all’ascolto per il miglioramento della comunicazione all’interno del luogo di lavoro

Atelier d’ascolto per allievi all’interno di istituti scolastici

Atelier di ascolto finalizzato all’integrazione di una lingua straniera

 

 

ONLINE: FORMAZIONE NUOVI TERAPISTI 2020-2021 IN ITALIANO

ONLINE: Training course for new therapists in audio-psycho-phonology 2020-2021 in english

ONLINE: UPDATING SEMINAR FOR THERAPISTS IN AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGY IN DECEMBER 2021

 

 

Il test di ascolto

 


Questo test è nato quando dirigevo il laboratorio di fisiologia acustica degli Arsenali dell’Aeronautica a Châtillon-Sous-Bagneux e a Saclay. Effettuavamo esami audiometrici sistematici su uomini e donne che lavoravano presso i reattori o in ambienti sonori di alto livello: officine di fonderia, di rivettaggio, di filettatura, di fresatura, ecc. Seguivamo questi soggetti sottoposti ai rumori per scoprire gli effetti provocati da intensità sonore elevate. Scoprii numerose corrispondenze tra le curve uditive e certi dati comportamentali, come la fatica. Poi, col passare del tempo, scoprii delle connessioni tra l’andamento della curva e l’andamento posturale generale. Rilevai ugualmente una sorprendente identità di patologia tra i soggetti che presentavano una stessa curva uditiva. Mille e un fatto attiravano così la mia attenzione, senza parlare poi delle controreazioni vocali legate alle alterazioni uditive.
Queste riflessioni mi occuparono tra il 1944 e il 1953. Parallelamente mi prendevo cura di una clientela otorinolaringologica e divenivo specialista in foniatria. Mi parve dunque necessario mettere in rapporto le curve audiometriche con un insieme di disturbi riguardanti la sfera relazionale o emozionale. Confrontai le curve audiometriche con i fenomeni vocali, con le attitudini posturali, con le modificazioni comportamentali, con i cambiamenti di tono e con le astenie latenti di cui si lamentavano i miei pazienti.
Tutti questi indizi raccolti nel corso del tempo sostenevano la mia attenzione, si cristallizzavano progressivamente e anticipavano così la strutturazione di un test d’ascolto. Un giorno, il fenomeno divenne per me evidente. Perché non ci avevo pensato prima? Eravamo nel 1955/56. Da quel momento, il test d’ascolto ha dato prova della sua validità e affidabilità. È divenuto una prova classica.
Test proiettivo, il test d’ascolto rivela le reazioni psicologiche sottostanti e le tensioni che le provocano. Analizzando le risposte vestibolo-cocleari agli impulsi acustici, esso permette di spiegare le controreazioni posturali. Ma il test d’ascolto, visualizzando le risposte date da un soggetto alle informazioni sonore, fornisce la chiave del suo comportamento generale in ben altri campi: comunicazione, linguaggio, socializzazione, ecc. E’ l’inserimento di un essere nel suo ambiente che ci apparve in questo modo.
Con le sue risposte sensitivo-sensorio-motrici il test d’ascolto taglia la postura in “piani metamerici”, cioè in strati successivi legati ai differenti stadi neurologici. I gravi sono attribuiti alla parte inferiore, gli acuti beneficiano della parte alta del corpo. Ciascuna fetta (o metamero) con le sue risposte neurologiche, sensoriali, motrici e sovente neurovegetative, corrisponde a un organo situato nello spazio afferente al metamero stesso.
Ho così potuto enumerare le altezze tonali corrispondenti ai differenti parametri e, per conseguenza, descrivere con precisione uno spettro tonotipico corrispondente agli organi. Il test d’ascolto procura ben altre informazioni. Sappiamo quale organo (o più esattamente quale parte di corpo) è in difficoltà. Possiamo, con un basso rischio d’errore, prevedere la possibilità per un organo di entrare in un circuito di somatizzazione. Così, su un orecchio il cui funzionamento è rivelato dal test d’ascolto, prendono ordine i differenti strati somatici.
Insomma, il comportamento corporeo in tutte le sue forme è rivelato dal funzionamento di un solo organo: l’orecchio. Altra cosa interessante: con il test d’ascolto, la diagnosi è rapida, a volte predittiva. L’orecchio ha un’azione diretta sugli altri organi. Modificando le sue capacità di percezione si trasforma lo stato del corpo. Per tutte queste ragioni, siamo giunti progressivamente ad attribuire sempre più funzioni e virtù all’apparato uditivo.
Certamente, molti sono ancora urtati da questo modo di vedere le cose. Può essere per il fatto che non ci hanno riflettuto o perché, per mancanza di tempo, non hanno la possibilità di dedicarvi qualche pensiero. I processi messi in causa non mancano di complessità, è vero. Ma sono ricchi di risposte e così vicini all’esistente che non c’è nessuno sforzo da fare per seguire il nostro ragionamento. Così, coloro che hanno deciso di impegnarsi nella comprensione di tali processi non hanno che da lasciarsi trasportare nella successione di domande-risposte che tracciano un percorso medico del tutto naturale. È anche vero che la malattia acquista un significato diverso se la si studia a scopo terapeutico oppure pedagogico, e quest’ultimo è il nostro caso.
La medicina si orienta sempre più verso il “tratto-sintomo a valore semantico”. Sarebbe il caso di soffermarsi su questa nozione così particolare ma in tal modo si appesantirebbe troppo l’argomento che abbiamo deciso di sviluppare riguardante il Ménière. Ogni cosa ha un senso. I sintomi costituiscono una risposta che ha un significato. Il sintomo si inscrive nel corpo e lo fa così profondamente che finisce per essere rintracciato da questo apparecchio rivelatore senza equivalenti che è l’orecchio.
Facciamo un esempio. Un picco acuto a 1000 Hz sulle due curve di risposta tonale (ossea e aerea) rivela una sofferenza del plesso solare. Pensiamo a un’ulcera gastrica localizzata sulla piccola curvatura, accompagnata da uno slittamento in senso antero-posteriore della sesta vertebra dorsale. Queste informazioni non devono essere interpretate unicamente come un sintomo localizzato, specifico della zona precisata, ma anche come rivelatori di una sofferenza dell’essere umano originatasi dal fisico, dal morale e dal comportamento, che si manifesta particolarmente nella voce. Questa è aggressiva, tesa, sovente nasale.
Il 1000 Hz ha degli effetti in situ ma in effetti è tutto il corpo che reagisce alla sofferenza. Questa frequenza rivela, a livello del sistema nervoso e neurovegetativo, un’attitudine comportamentale e relazionale molto specifica. Posture di blocco dolorose, introversione con emergenze di aggressività non intenzionali e incontenibili: in breve, abbiamo il classico quadro di un soggetto teso portatore di un’ulcera gastrica.
Sarà la stessa cosa se verrà interessata un’altra zona metamerica, ad esempio la quarta: l’asma sarà sovente la risultante risonanziale della messa in causa di questa localizzazione. Diverse conseguenze possono essere indotte da altre configurazioni del test d’ascolto, che escono da un quadro semplice, quali l’epilessia. Sembra che il Ménière, cui dedichiamo quest’opera, origini dai medesimi processi.
Il Ménière è, per noi, una risposta comportamentale dello psichismo che cerca di risolvere un conflitto. L’inizio avviene al di fuori della sfera cosciente. Non si decide volontariamente di fare un Ménière piuttosto che un’epilessia, ma sembra che esista più specificatamente, e senza che si sappia distinguerlo per ora, un terreno più favorevole allo sviluppo di una certa malattia piuttosto che di un’altra. Pertanto non è possibile parlare di predisposizione.
Il test d’ascolto ci fornisce d'altronde qui un aiuto molto prezioso. Offre il diagramma della comunicazione. Come è possibile ciò? Semplicemente perché l’orecchio è l’organo più importante delle relazioni verbalizzate. Se un soggetto decide di non ascoltare più, ha diversi mezzi a disposizione:

- la sordità pura e semplice. Ma è un processo lungo, sovente fastidioso, dunque poco utilizzato in caso di urgenza.

- L’oscuramento di zone elettive dell’udito: voce della madre, del padre o di altri spettri vocali. L’orecchio è in grado di provocare dei blocchi dell’analisi frequenziale sopprimendo la ricezione delle frequenze acute, gravi, ecc. Ma il prezzo da pagare è elevato e comporta una rottura totale o parziale della comunicazione. Questa interruzione può avvenire in modi diversi. L’orecchio sopprime certe frequenze dell’udito e provoca delle chiusure. Non analizza più il suono, non procede più all’analisi frequenziale. Risultato? In certe zone, la selettività uditiva a questa o a quella voce è soppressa, riducendo considerevolmente tutte le informazioni che utilizzano quello stesso canale. Il messaggio disporrà solo di uno stretto passaggio e arriverà al suo scopo solo attraverso un’incredibile deformazione, fonte di errori, di controsensi e fattore di angoscia.
A prezzo di uno sforzo e di una fatica considerevoli, si può talvolta produrre un’adesione ai suoni, ma il piacere di ascoltare non esiste più. Pochi possono mantenere una tale attenzione che d'altronde non supererà mai più di dieci-quindici minuti in un’ora. In questo caso, è evidente che il ricordo dei messaggi è ridotto e ugualmente lo è l’attenzione.

L’orecchio, quest’antenna per eccellenza, quest’obiettivo puntato sull’ambiente circostante, è dunque in grado di spalancare il suo diaframma o di chiuderlo, di inserire i filtri che gli aggradano, di eludere la sua presenza o, al contrario, di aumentare le sue capacità in una zona particolarmente ben mirata.

 

• lettura musicale veloce

• difficoltà di comprensione

• difficoltà di comprensione

 

 

Test d'ascolto

 

Il test d'ascolto elaborato da Tomatis permette di evidenziare la presenza e la natura di possibili distorsioni dell'ascolto, che spesso non rappresentano vere e proprie patologie uditive ma rientrare all'interno dell'aspetto funzionale.

Il test misura:

la nitidezza dei suoni percepiti attraverso un esame chiamato selettività

la capacità dell'orecchio di localizzare corettamente i suoni nello spazio

, distorsioni uditive, ipersensibilità uditive, problemi di lateralità uditiva, difficoltà a distinguere un suono dall'altro.

Tutte queste distorsioni dell'ascolto influiscono sulla capacità di apprendimento e di comunicazione in generale:

• difficoltà di comprensione

• difficoltà di riproduzione verbale (linguaggio)

• difficoltà nella decodifica (lettura)

• difficoltà nella restituzione scritta (scrittura)

• difficoltà di concentrazione e di memorizzazione

• difficoltà di comunicazione

 

Queste distorsioni percettive influiscono anche sulla capacità di apprendimento musicale, sia vocale che strumentale e sull'apprendimento di una lingua straniera, toccando vari aspetti:

 

• intonazione vocale e strumentale

 

• senso del ritmo

 

• timbro e qualità del suono

 

• sicurezza in pubblico e conseguente rendimento in scena

 

• lettura musicale veloce

 

• comprensione, accento e pronuncia di una lingua straniera

 

Inoltre una percezione distorta della realtà acustica può favorire ansia e stanchezza a causa della difficoltà di decifrazione istantanea delle informazioni verbali e sonore:

 

fraintendimento del tono della voce dell'altro

 

distorsione nella percezione delle intenzioni dell'altro 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ONLINE: FORMAZIONE NUOVI TERAPISTI 2022 IN ITALIANO

ONLINE: Training course for new therapists in audio-psycho-phonology 2022 in english

ONLINE: UPDATING SEMINAR FOR THERAPISTS IN AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGY IN NOVEMBER 2022 IN ENGLISH

 

 

Articoli scientifici, testi di conferenze, lezioni e altro

 

 

ITALIANO

METODO ORALE: SYMPOSIUM DELLE SCUOLE DI METODO PER IL MAGISTERO DEI SORDOMUTI, Roma, 1-2-3 giugno 1962

LA MUSICA E I SUOI EFFETTI NEURO-PSICO-FISIOLOGICI, XIII Congresso ISME, London, Canada, 1978

IL MONDO DELLA DISLESSIA, Paul Madaule, Intervento al Convegno "Listening and Learning", Toronto, Canada 1978

APPRENDERE UNA LINGUA STRANIERA CON UN NUOVO ORECCHIO, Conferenza per la Northeast Conference, Washington D.C, U.S.A. aprile 1986 

L'INTEGRAZIONE DELLE LINGUE VIVENTI, Milano, 1990

IL PROGETTO EUROPEO AUDIO-LINGUA: MIGLIORAMENTO DELLA COMPRENSIONE UDITIVA E DELLA ESPRESSIONE ORALE DI UNA LINGUA STRANIERA, Pescara, 1997 - Prima parte

IL PROGETTO EUROPEO AUDIO-LINGUA: MIGLIORAMENTO DELLA COMPRENSIONE UDITIVA E DELLA ESPRESSIONE ORALE DI UNA LINGUA STRANIERA, Pescara, 1997 - Seconda parte

IL PROGETTO EUROPEO AUDIO-LINGUA: MIGLIORAMENTO DELLA COMPRENSIONE UDITIVA E DELLA ESPRESSIONE ORALE DI UNA LINGUA STRANIERA, Pescara, 1997 - Terza parte

 

FRANCAIS

LESIONS AURICULAIRES, Bulletin di Centre d'étude et de recherches médicales de la S.F.E.C.M.A.S., Septembre 1952

L'OREILLE MUSICALE; Journal Français d'Oto-Rhino-Laryngologie, Numéro 2, Février 1953

CORRECTION DE LA VOIX CHANTEE, Faculté de Médicine de Paris, Clinique Oto-Rhino-Laryngologique, Cours International de Phonologie et de Phoniatrie, Vendredi 6 mars 1953

RECHERCHES SUR LA PATHOGENIE DU BEGAIEMENT, Journal Français d'Oto-Rhino-Laryngologie, Numéro 4, Avril 1954

LA SURDITÉ À LA DEFA, Le Médecin d’Usine, n° 8, pp. 401 à 404, septembre-octobre 1955

ACADEMIE NATIONALE DE MEDICINE, MODIFICATIONS PHONATOIRES D'ORIGINE AUDITIVE, Séance du 4 juin 1957

LES REACTIONS SOMATIQUES ET PSYCHIQUES AU BRUIT INDUSTRIEL, Archives des Maladies Professionelles. Extrait du T. 20, N° 5, 1959, pp.611-624

LA RESONANCE DANS LES ECHELLES MUSICALES, Colloques Internationaux du Centre de la Recherche Scientifique, Paris 9-14 Mai 1960

LE LANGAGE: EXAMEN CLINIQUE - PATHOLOGIE - TRAITEMENT, Société de Médecine de Paris, Revue d'Enseignement Post-Universitaire, 1970

L'INTEGRATION DES LANGUES VIVANTES, L. A. Tomatis, Éditions Soditap, 1970

NOUVELLES THEORIES SUR LA PHYSIOLOGIE AUDITIVE - IIème Congrès Intenational d'Audio-Psycho-Phonologie, Paris 1972

L'OREILLE CONSIDEREE COMME CAPTEUR, Ecole Supérieur d'Electronique de l'Ouest, Angers, 1974

LA REEDUCATION DE LA VOIX, Vie Medicale, 20 - mai 1974/4

DEPISTAGE DE L'ENFANT DYSLEXIQUE A L'ECOLE MATERNELLE - National Congress of the South African Society for Education, 1976

APPLICAZIONE DEL METODO TOMATIS NELL'INTEGRAZIONE DELLA LINGUA INGLESE IN UN LICEO FRANCOFONO; Athenée Royale pour garçon & jeunes filles, Comines, Belgique, Septembre 1977

SON ET ARCHITECTURE, Rivista Son, dicembre 1977

LA MUSIQUE ET SES EFFETS NEURO-PSYCHO-PHYSIOLOGIQUES, XIII Congrès ISME, London, Canada, 1978

LES ASPECTS MEDICO-PSYCHO-PEDAGOGIQUES DE L'AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGIE, V Congrès International d'Audio-Psycho-Phonologie, Montréal, Canada, 1978

DE L'ORTHOPHONIE A L'AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGIE, V Congrès International d'Audio-Psycho-Phonologie,Toronto, Canada, 1978

OREILLE ET DIFFICULTES D'APPRENTISSAGE - Congres de l'AQETA (Association Québécoise pour les Enfants avec Troubles d'Apprentissage), 1979

L'OREILLE ET LE CHANT, Conference donnée au Conservatoire de Musique de Berne, Aout 1980

LE CHANT ET LA MUSIQUE ET LEUR IMPORTANCE DANS LE DEVELOPPEMENT DE LA PERSONNE - CONFERENZA AL CONGRESSO KODALY - AYLMER (CANADA) - 22-24 OTTOBRE 1982

L'OREILLE A L'ECOUTE DE LA MUSIQUE - CONFERENZA DEL DR ALFRED TOMATIS AL CONGRESSO INTERNAZIONALE "MUSIC AND HEALTH". OSLO 1985

APPRENDRE UNE LANGUE ETRANGERE AVEC UNE NOUVELLE OREILLE, Conférence préparée pour la Northeast Conference, WASHINGTON D.C, U.S.A. AVRIL 1986 

APPRENDERE UNA LINGUA STRANIERA CON UN NUOVO ORECCHIO, Conferenza per la Northeast Conference, WASHINGTON D.C, U.S.A. AVRIL 1986 

LE BASSIN: CAISSE DE RESONNANCE, Plycop, 1988: annexe 8

APPROCHE KINESITHERAPIQUE DE LA POSTURE D'ECOUTE, Christian Delmas Kinesitherapeute, Montpellier, France, Mai 1990 

PREPARATION DES FEMMES ENCEINTES, Paris, Novembre 1991

   

ENGLISH

THE ASSIMILATION OF MODERN LANGUAGES

ELECTRONIC EAR AND SPORT, Madrid 1974

A RORSCHACH STUDY OF RIGHT-HANDED SUBJECTS AND LEFT-EAR LISTENERS WITH MIXED LATERAL PREFERENCES, Potchefstroom University, Institute for Psychotherapy and Counseling, M.A. Clinical Psychology, 1975 

THE EFFECT OF THE TOMATIS PROGRAM ON ANXIETY, Potchefstroom University, Institute for Psychotherapy and Counseling, Master's Dissertation, 1975 

DETECTION OF DYSLEXIA AMONG PRE-SCHOOL CHILDREN - National Congress of the South African Society for Education, 1976

THE EAR AND LEARNING - Congress of AQETA (Association Québécoise pour les Enfants avec Troubles d'Apprentissage), 1979

THE USE OF THE TOMATIS PROGRAM IN THREE NEUROTIC-DEPRESSIVE CLIENTS, Potchefstroom University, Institute for Psychotherapy and Counseling, M. Sc. Clinical Psychology, 1979 

ETUDE DES RESULTATS DES TESTS EFFECTUES AVANT ET APRÈS L 'APPLICATION D'UN PR0GRAMME T0MATIS, Timothy M . Gilmor , PH. D., Toronto, Canada, Mars 1982 

THE TOMATIS PROGRAM AND THE PROFOUNDLY MENTALLY RETARDED CHILD, Potchefstroom University, Institute for Psychotherapy and Counseling, Master's Dissertation, 1983 

POTCHEFSTROOM UNIVERSITY: A REVIEW, S.-Afr.Tydskr.Sielk. 1988.18 (4) 

THE EFFECT OF AUDIO-PSYCHO-PHONOLOGY ON STUTTERING, Potchefstroom University, Institute for Psychotherapy and Counseling,

A COMPARATIVE OUTCOME STUDY ON ANXIOUS PRIMARY SCHOOL PUPILS, S.-Afr.Tydskr.Sielk. 1988,18 (4)

THE EFFICACY OF THE TOMATIS METHOD FOR CHILDREN WITH LEARNING AND COMMUNICATION DISORDERS: A META-ANALYSIS, International Journal of Listening, Vol. 13, 1999, 12-23

LISTENING TRAINING FOR LANGUAGE LEARNERS: THE TOMATIS APPROACH TO SECOND LANGUAGE ACQUISITION, Elizabeth Joiner, University of South Carolina, 2000

THE TOMATIS METHOD WITH SEVERAL AUTISTIC BOYS, South African Journal of Psychology, 2001, 31 (1)

MULTIMODAL ENHANCEMENT OF CULTURALLY DIVERSE YOUNG ADULT MUSICIANS: A PILOT STUDY INVOLVING THE TOMATIS METHOD, South African Journal of Psychology, 2001, 31 (3)

ASPERGER DISORDER AND THE TOMATIS METHOD, Northwestern University, Potchefstroom Campus, Institute for Psychotherapy, Master's Dissertation, 2005 

THE EFFECT OF TOMATIS METHOD ON THE PSYCHOLOGICAL WELL-BEING AND PIANO PERFORMANCE OF STUDENTS PIANISTS, Dissertation submitted in fulfilment of the requirements for the degree Master of Music at the Potchefstroom Campus of the North-West University, 2010

TOMATIS METHOD STIMULATION: EFFECTS ON STUDENTS EDUCATIONAL INTERPRETERS, Journal of Psychology in Africa 2011, 21 (2), 257-266)

THE TOMATIS EFFECT WITH PROFESSIONAL OPERA SINGERS. A PILOT STUDY, Gestalt Theory, 2016, Vol. 38, N. 2/3, 239-25

 

ESPAÑOL

EL METODO TOMATIS Y LA INTEGRACION DEL FRANCES COMO LENGUA EXTRANJERA - Flor Herrero Alarcon, Universidad de Cadiz, 2000

 

FaLang translation system by Faboba